Leggenda antica

Da WikiTesti.
Share/Save/Bookmark

Cerca la Canzone per anno: 1900-2000 1950 1951 1952 1953 1954 1955 1956 1957 1958 1959 1960 1961 1962 1963 1964 1965 1966 1967 1968 1969 1970 1971 1972 1973 1974 1975 1976 1977 1978 1979 1980 1981 1982 1983 1984 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011

Cerca Per Titolo: A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z W Y

Cerca Per Artisti: A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z W Y

Colonna Sonora

È la colonna sonora dei seguenti film:


Album

È contenuto nei seguenti album:

1986 Studio & Live

WikiTesti è un progetto gratutito, tutti possono collaborare inserendo testi, spartiti e video. Perché non collabori con noi?

Testo Della Canzone

Leggenda antica di Pierangelo Bertoli

la donna senza nome
disse al giovane signore
sei bello e vorrei
stenderti in un prato
,
spiegarti sulla pelle
nel ritmo dei respiri,
che ti volevo,
ti ho desiderato
se fossi stata libera
di avere un' opinione
di come poter
vivere il mio sesso,
avrei potuto scegliere
di fare un' altra strada
oppure sarei stata
come adesso.
c'era, c'era una volta
non ricordo dove fu,
so soltanto che da
qualche tempo non c'e' piu'.
il giovane signore
seduto sui suoi anni
nuotava dentro a un
mucchio di rifiuti
aveva i
suoi problemi,
difficili rapporti,
un sacco di
concetti sconosciuti
la donna lo fissava
cercava di spiegarsi,
non era li' per
chiedere un rimborso
per quanto fosse giovane,
per quanto fosse uomo
doveva condividere il discorso.
c'era, c'era una volta
non ricordo dove fu,
so soltanto che da
qualche tempo non c'e' piu'.
ma credo che la fame
sia un debole pensiero
per chi l'ha avuta
solo nelle orecchie
e li berta e' un
discorso per chi non
sta in prigione
e i giovani non
sanno cose vecchie,
il tragico signore
aveva un apparecchio
chio
per ricomporre i
pezzi del dolore,
sollecito' i transistor
guardo' nel terminale,
trovandoci una
dose per due ore.
c'era, c'era una volta
non ricordo dove fu,
so soltanto che da
qualche tempo non c'e' piu'.
sull' onda dei rimpianti
di tarde ribellioni
di strade brutte
strette e male usate
la donna disse merda,
frugo' dentro a un futuro
di plastica e di
luci colorate
il giovane signore
vedeva di lontano
le case dove
brulica la gente
raccolse i suoi domani
del tutto programmati
e pianse senza il
minimo incidente.
c'era, c'era una volta
non ricordo dove fu,
so soltanto che da
qualche tempo non c'e' piu'.
c'era, c'era una volta
non ricordo dove fu,
so soltanto che da
qualche tempo non c'e' piu'.

Sanremo 2014
  1. Ora Renzo Rubino
  2. Pedala Frankie Hi Nrg
  3. Per sempre e poi basta Renzo Rubino
  4. Prima di andare via Riccardo Sinigallia
  5. Quando balliamo Antonella Ruggiero
  6. Sing in the rain Ron
  7. Tanto ci sei Raphael Gualazzi
  8. Ti porto a cena con me Giusy Ferreri
  9. Un abbraccio unico Ron
  10. Un bacio crudele Giuliano Palma
  11. Un uomo è un albero Noemi
  12. Un uomo è vivo Frankie Hi Nrg
  13. Una rigenerazione Riccardo Sinigallia
  14. Vivendo adesso Francesco Renga

Sanremo 2014

  1. A un isolato da te Francesco Renga
  2. Bagnati dal sole Noemi
  3. Controvento Arisa
  4. Così lontano Giuliano Palma
  5. Da lontano Antonella Ruggiero
  6. Il cielo è vuoto Cristiano De Andrè
  7. In questa città Francesco Sarcina
  8. Invisibili Cristiano De Andrè
  9. L'amore possiede il bene Giusy Ferreri
  10. L'Italia vista dal bar Perturbazione
  11. l'unica Perturbazione
  12. Lentamente Arisa
  13. Liberi o no Raphael Gualazzi e Bloody Beetroots
  14. Nel tuo sorriso Francesco Sarcina

Il testo contenuto in questa pagina è di proprietà dell'autore. WikiTesti è un'enciclopedia musicale con lo scopo di far conoscere a quante più persone possibile il panorama musicale.

In queste pagine troverai Testi e Accordi delle varie Canzoni e dei loro Album, oltre a Video, Midi e Karaoke.

Accordi

   
C                               Am
LA DONNA SENZA NOME DISSE AL GIOVANE SIGNORE

         C
''SEI BELLO E VORREI STENDERTI IN UN PRATO

                            Am
SPIEGARTI SULLA PELLE NEL RITMO DEI RESPIRI 

       C
CHE TI VOLEVO  TI HO DESIDERATO

      Dm                    C
SE FOSSI STATA LIBERA DI AVERE UN' OPINIONE

Am                             G
DI COME POTER VIVERE IL MIO SESSO 

      Dm                    C
AVREI POTUTO SCEGLIERE DI FARE UN' ALTRA STRADA


OPPURE SAREI STATA COME ADESSO.

  G                             Am
C'ERA  C'ERA UNA VOLTA NON RICORDO DOVE FU 

         Dm                                    C G C Dm
SO SOLTANTO CHE DA QUALCHE TEMPO NON C'E' PIU'.    
  


C                      Am
IL GIOVANE SIGNORE SEDUTO SUI SUOI ANNI

     C
NUOTAVA DENTRO A UN MUCCHIO DI RIFIUTI

                            Am
AVEVA I SUOI PROBLEMI  DIFFICILI RAPPORTI 

      C
UN SACCO DI CONCETTI SCONOSCIUTI

      G                  C
LA DONNA LO FISSAVA CERCAVA DI SPIEGARSI 

Am                               G
NON ERA LI' PER CHIEDERE UN RIMBORSO

        Dm
PER QUANTO FOSSE GIOVANE 

        C
PER QUANTO FOSSE UOMO

F                          C
DOVEVA CONDIVIDERE IL DISCORSO.

  G                             F
C'ERA  C'ERA UNA VOLTA NON RICORDO DOVE FU 

         Dm                                    C G C Dm
SO SOLTANTO CHE DA QUALCHE TEMPO NON C'E' PIU'.   
   


C                             Am
MA CREDO CHE LA FAME SIA UN DEBOLE PENSIERO

        C
PER CHI L'HA AVUTA SOLO NELLE ORECCHIE

                                  Am
E LI BERTA E' UN DISCORSO PER CHI NON STA IN PRIGIONE

       C
E I GIOVANI NON SANNO COSE VECCHIE 

      G               C
IL TRAGICO SIGNORE AVEVA UN APPARECCHIO

Am                           G
PER RICOMPORRE I PEZZI DEL DOLORE 

                                C
SOLLECITO' I TRANSISTOR GUARDO' NEL TERMINALE 

F                            C
TROVANDOCI UNA DOSE PER DUE ORE.

  Dm                            C
C'ERA  C'ERA UNA VOLTA NON RICORDO DOVE FU 

         Dm                                    C G C Dm C
SO SOLTANTO CHE DA QUALCHE TEMPO NON C'E' PIU'.    

     


      D                        Bm
SULL' ONDA DEI RIMPIANTI DI TARDE RIBELLIONI

       D
DI STRADE BRUTTE STRETTE E MALE USATE

                             Bm
LA DONNA DISSE MERDA  FRUGO' DENTRO A UN FUTURO

      D
DI PLASTICA E DI LUCI COLORATE

      A                D
IL GIOVANE SIGNORE VEDEVA DI LONTANO

Bm                         A
LE CASE DOVE BRULICA LA GENTE

     Em                       D
RACCOLSE I SUOI DOMANI DEL TUTTO PROGRAMMATI


E PIANSE SENZA IL MINIMO INCIDENTE.

  A                             D
C'ERA  C'ERA UNA VOLTA NON RICORDO DOVE FU 

         Em                                   D
SO SOLTANTO CHE DA QUALCHE TEMPO NON C'E' PIU'

  G                             D
C'ERA  C'ERA UNA VOLTA NON RICORDO DOVE FU 

         Em                                    D
SO SOLTANTO CHE DA QUALCHE TEMPO NON C'E' PIU'.

***
Discografie complete di accordi

Pagine più viste